la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

giovedì 28 novembre 2013

Meat Free Monday e la cucina della Capra

Avete mai sentito parlare di Meat Free Monday"? È l'iniziativa che Paul McCartney e le sue due figlie presero qualche anno fa per sensibilizzare gli inglesi a mangiare meno carne, riducendo così l'impatto ambientale degli allevamenti intensivi, prima fonte di inquinamento planetario. Credo non sia stata un'idea stupida, nè inutile. Certo, se il 90% della popolazione mondiale diventasse vegana, gli allevamenti intensivi cesserebbero di esistere e gli allevamenti tradizionali basterebbero a sfamare quei pochi carnivori rimasti, ma la vedo dura come ipotesi realizzabile, almeno non nell'immediato futuro. Però le cose non sono bianche o nere, e non per forza devono essere prese decisioni drastiche secondo me. Le mezze misure esistono, e la riduzione del danno pure. Anche perchè tra il dire "non posso/voglio rinunciare a carne, latte e uova" e il dire "riduco il consumo di carne, latte e uova" la differenza c'è e si sente. È per questo che, quando posto ricette su questo blog, posto spesso ricette vegane, perchè possano usufruirne i vegani e perchè gli onnivori possano rendersi conto che non sempre sono indispensabili latte e uova per preparare un dolce e che le verdure non sono solo un triste contorno. 
Qualche settimana fa ho avuto i miei genitori qui per qualche giorno, gli ho proposto, tra le altre cose, i miei cookies. Dopo che hanno mangiato e apprezzato, gli ho svelato il trucco: non ci credevano e mia mamma, contenta di poter preparare qualcosa di buono senza far alzare il colesterolo cattivo di mio padre, ha voluto rifarli con me per imparare. E come se non bastasse, tornata a casa li ha subito rifatti e offerti a amiche e parenti, diffondendo la ricetta tra incredule massaie. Non è una soddisfazione?! Sono persone che ovviamente mai e poi mai si reinventeranno un'intera cucina, imparata da ragazze e mai messa in discussione (e di solito gustosissima!), però se una volta su tre i biscotti li fanno senza uova e senza burro sarà già una gocciolina pulita in un'oceano inquinato.
E poi, accanto alle motivazioni ecologiste difese dalla famiglia McCartney, ci aggiungerei anche i motivi di salute, per la quale mangiare proteine animali con costanza non è che sia proprio benefico, come ormai ci insegnano fior fior di studi e come sostengono luminari come Umberto Veronesi (che non mi è affatto simpatico ma col quale concordo sull'argomento) o il professor Franco Berrino, che invece stimo tantissimo e che consiglio a chi non lo conoscesse di "googlare" e sentire quel che ha da dire.
Io sono proprio tra quelle persone che fanno una fatica mostruosa a prendere decisioni, soprattutto se drastiche, ma direi che ho la coscienza alquanto serena, sia nei confronti del pianeta, che in quelli di un'economia etica, che in quelli della mia salute, mangiando carne un paio di volte al mese e acquistandola da allevatori locali e fidati, riducendo al minimo il consumo di pesce, uova e latte e non pretendendo pasti vegani se sono invitata a pranzo/cena. E poi, sono una turista enogastronomica, curiosa delle cucine altrui, e non mi piacerebbe limitare la mia curiosità, il mio apprendere, il mio assaggiare...Ma tranquilli, tanto in vacanza non ci vado mica così spesso!
Ora, c'è un bel blog che ha fatto suo lo spirito del Free Meat Monday, cioè ha "istituito" il Vegetal Monday: non è un concorso, non si vince niente, ma si impara tanto. Ogni lunedì. Quando tutti possono postare una ricetta vegana, anche, anzi soprattutto, chi non lo è, e inserirla nella raccolta della Capra. Io ci vado ogni lunedì a prendere spunto, e ora ho deciso di iniziare a dare anche il mio contributo. Forse in questo modo, sapendo di avere una specie di appuntamento, considerando che sarà un periodo di lavoro intenso e quindi rischio di lasciare il blog in fondo alla lista delle cose da fare, sarò più costante con l'aggiornamento e con la diffusione di ricettine buone, facili...e salutari ;)

16 commenti:

  1. Come sai non sono vegetariano (e mai nella vita vegano: io vivo di formaggio, praticamente), ma l'idea la seguirò con piacere (culinario) :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'altronde dalle tue parti i formaggi li sanno fare! Però premierò il tuo impegno con una ricetta fatta apposta per te, tipo finto junk food :)

      Elimina
  2. Adoro il formaggio pure io, ma vedo con piacere il diffondersi di una cultura vegana, con l'apertura di ristoranti così ...blog e chi diffonde il messaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è vero, anche se questo è utile da una parte ma dall'altra rischia di far etichettare il tutto come "moda passeggera" (commento che ho sentito più volte), quando invece si tratta semplicemente di salute.

      Elimina
  3. Ciao, Anch'io non sono vegana, ma sposo molto l'idea di mangiar meno carne e meglio. Quindi cerco di mangiare un po' di tutto cucinato in maniera sana e semplice, conosco già l'iniziativa e volevo iniziare anch'io a seguirla e forse a pubblicare qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erica! Secondo me partecipare ai lunedì della Capra è un buon modo per spronarsi a sperimentare: io sono sempre più stupita di quanto spesso ingredienti di derivazione animale siano superflui nelle preparazioni.

      Elimina
  4. McCartney è un mito (vabbè, questo era ovvio)! Hai visto la sua fantastica lettera a Putin per gli Arctic 30?
    http://www.paulmccartney.com/news-blogs/news/27699-a-letter-to-vladimir-putin-in-support-of-greenpeace

    RispondiElimina
  5. L'ho letta solo ora! Poter leggere anche una risposta del Presidente sarebbe stato certo ancora più soddisfacente... Grazie per averla segnalata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', vero è che poco dopo li hanno liberati (non sarà tutto merito del baronetto, però secondo me una spintarella l'ha data anche lui)!

      Elimina
    2. Lo spero che sia andata così, è sempre confortante quando i personaggi pubblici utilizzano la loro visibilità per far pressione sui governanti rispetto a temi sociali.

      Elimina
  6. la giornata senza carne più che avere un risultato economico o di salute, vuole essere una giornata per fare riflettere le persone sulla propria alimentazione di come è sbilanciata a favore della carne proprio in regno unito, meglio di niente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La carne si mangia in così tanti modi che non ci si rende nemmeno conto di quanto spesso sia sbilanciata una dieta: capita di sentire persone di una certa età dire "per te che non mangi carne ho preso del prosciutto"...

      Elimina
  7. Non credo mi definirò mai vegetariana o vegana, ma da sempre non mangio pesce, da quando avevo 15 anni ho tolto i latticini dalla mia dieta (e sto molto meglio) e da sempre non cucino carne, la mangio solo se la prepara qualcun'altro e preferibilmente dell'allevamento del mio zio (alleva mucche piemontesi), concordo su tutto quanto hai scritto, anche sull'antipatia riguardo Veronesi (non posso scordare il suo essere pro-nucleare)..E poi si Paul McCartney e figlie, ho visto un bel libro di una di loro con ricette veg. e non mi dipsiacevano! ma a volte penso che questa loro filosofia di vita sia venuta dai sensi di colpa di Linda, la cui famiglia era propietaria di una bella centralina nucleare!! comunque per me non consumare uova o miele mi sembra un po' una cavolata, voglio dire...se non avessi mangiato (o trasformato in torte) le belle uova della mia Paperina, lei si sarebbe offesa molto, bisognerebbe fare una distinzione tra quelle del pollaio e quelle che si comprano al supermercato... Ma ben venga la psticceria vegan!!
    E poi volevo ringraziarti per il tuo commento da me, mi sa che sei l'unica che ha capito la questione "vicini di casa", una cosa è l'amicizia, un'altra e poter bussare ad uma porta amica e trovare un sorriso e qualcuno che ti capisce, detto tra noi la situazione umana del mio condominio è veramente drammatica, prima o poi ci faccio un post...
    baci

    mad

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo della centrale nucleare della famiglia di Linda! Credo anch'io che Paperina sia contenta se usi le sue uova, così come lo sono le galline di mia zia, e infatti il punto è proprio quello: usarle se e quando ci sono e non "fabbricare" migliaia di galline per produrre milioni di uova della cui maggior parte si potrebbe fare a meno...Ciao bella Mad, buon weekend :)

      Elimina
    2. Linda fa parte della famiglia Kodak..propietari di una centrale per motivi produttivi...

      Elimina
    3. Ah bè! Grazie per l'info, cara ;)

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)