Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2018

Terrarium

Immagine
Da ieri è ufficialmente finita l'estate. Fa freddo che non basta la maglia a maniche lunghe al posto della canotta, qui la situazione è quanto meno da felpa! E va beh, prima o poi doveva succedere, anche quest'anno. E insomma ho iniziato a pensare che non sono solo io ad aver bisogno di coprirmi e a godere molto meno dello stare in giardino, ma pure la mia allegra combriccola di grasse e succulente tra un po' avrà voglia di un ambiente un po' più confortevole del giardino d'inverno.  E così, mentre penso a serre esterne e nurseries interne, ho messo mano a un progettino che avevo da un po', un piccolo terrario. Ho una collega che è bravissima a farne, e mi ha spiegato come fare. Ho un calice che viene dal festival delle sagre di Asti di quest'anno, di quelli che ti danno nell'apposita borsina da tenere al collo e con cui te ne vai in giro a degustare bianchi, rossi e rosati, calice a cui si è rotto il collo nel viaggio di ritorno ma che non volevo butt…

Edoardo Albinati dixit

Il mare non è la terra. No, non sono la stessa cosa. Andar per mare, stare in mezzo al mare, non equivale a stare in porto, ad avere la terra sotto i piedi. Ma evidentemente coloro che abusano del potere di prendere drastici provvedimenti riguardo la vita di chi sta su una barca o su una nave ha una visione turistica, vacanziera, da stabilimento balneare. Non avendo mai messo il naso fuori dai loro tour elettorali, non avendo mai alzato gli occhi dagli schermetti dove passano la giornata a digitare battute o minacce, per loro la parola mare significa ombrellone, olio abbronzante, pedalò [...]  E oplà, sbarcare dei naufraghi a Valencia invece che in Sicilia è la stessa cosa, che sarà mai? Valencia sta dietro l'angolo... Otto giorni ci ha messo l'Aquarius per arrivare a Valencia. Non era mai accaduto dalla fine della seconda guerra mondiale che una nave con a bordo dei naufraghi dovesse rimanere altri otto giorni in mare dopo essere stata lasciata a galleggiare a trentacinque …

L'estate sta finendo

Immagine
...e, come avrete notato dalla mia assenza su questi schermi, me la sono goduta per quanto possibile lontano da scrivania e pc. Quest'anno siamo riusciti a stare via quasi 20 giorni, cosa che non succedeva dai tempi dell'università, e ci siamo riusciti adottando la formula che qualcuno ha brillantemente definito "turisti per case" :D Oltre alle nostre famiglie in Campania e in Toscana, abbiamo tanti amici sparsi per l'Italia, amici con cui le persone con orari di lavoro "da ufficio" si organizzerebbero per incontrarsi in un weekend durante l'anno. Noi però, tra i turni in libreria e airbnb, facciamo sempre una gran fatica ad andare via nel fine settimana. Così a fine luglio ci siamo preparati gli zaini e siamo partiti in treno per la nostra vacanza itinerante; di tappa in tappa abbiamo alleggerito il bagaglio dei regali e lo abbiamo riempito di affetto, di coccole, di parole, di profumo di salsedine e di aria di montagna, di sole e di arte, di vino…