la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

lunedì 31 agosto 2015

Quinoa alla crema di melanzane

Adoro il lunedì! Sì, appartengo a quella minoranza lì, ed è da lunedì scorso che aspetto questo giorno! Che non è altro che il primo giorno libero da lunedì scorso :) Chè io, di norma, dovrei lavorare 3 giorni a settimana, ma non ne lavoro mai meno di cinque, e, tornata dalle ferie, ne ho fatti addirittura sei! Come smaltire in fretta il troppo relax accumulato in vacanza...

Sono felice perchè è tornato quel caldo da estate vera e piena (e domani andiamo al mare!!!) ma, nonostante questo, io ho voglia di fare, di imbastire, di creare...e di cucinare! Attività che nella mia cucina, quando fa caldo, è concessa solo fino a mezzogiorno, per poi fuggire in fretta dall'altro lato dell'appartamento.

Qualche giorno fa ho comprato un prezioso pacchetto di quinoa alla bottega del mercato equo. Dico prezioso perchè è in assoluto il cereale più costoso tra quelli che uso, ma io adoro il suo sapore, oltre che apprezzare le sue infinite proprietà, e quindi ogni tanto me la concedo :)

E questo è quanto:
Prendere dal frigo quella melanzana bella tonda che è rimasta senza più compagne, tagliarla a fette spesse e grigliarle, tagliare le fette a pezzetti e metterle nel tritatutto con una manciata di mandorle, una manciatona di basilico, uno spicchietto d'aglio e un giro d'olio. Non ho messo sale perchè ci ho cosparso la griglia, in modo che le melanzane si salino e non si attacchino.
Intanto cuocere la quinoa e, quando è pronta, condirla con la crema ottenuta.
Non contenta, ci ho aggiunto un pomodoro crudo a pezzetti: fa colore e ci sta sempre bene :)

La crema si può usare ovviamente per condire pasta, riso o qualsiasi cereale e anche per dei crostini da aperitivo.

E lo so che è una ricetta estremamente semplice, ma io in qualche modo devo pure ingannare il tempo e la fame mentre aspetto che torni a casa Fra per pranzare! E poi mi serviva una scusa per tornare tra voi ;)

sabato 8 agosto 2015

Di vacanze e matrimoni

No, non sono ancora vacanza. Altrimenti vi avrei detto "buone vacanze" nell'ultimo post, no? Non si parte mica senza salutare dalle mie parti! Sono solo i ritmi estivi quelli che mi fanno apparire così sporadicamente. E per ritmi estivi non intendo prendersela comoda, pisolare, andare a fare bagni al mare o gite in montagna ma semplicemente lavorare sei giorni a settimana per coprire le ferie altrui e stare lontana dall'emanatore di calore...ché dal cellulare i commenti riesco a scriverli ma per i post ci stiamo lavorando (bugia, la verità è che non ci riesco e sono troppo pigra per mettermi a smanettare). Insomma non sono in vacanza ma datemi tempo due giorni...

Mi sarebbe piaciuto quest'anno portare in Grecia il mio budget per le vacanze; mi sarebbe piaciuto anche, come mi dico da qualche anno, andare in Albania, ho paura che prima o poi diventi inflazionata come la Croazia e soprattutto non credo che neanche lì sarebbe di troppo il mio piccolo budget. Ma non avevo calcolato quattro e dico quattro matrimoni tra giugno e settembre. E mica conoscenti eh, piuttosto persone che amo come si amano i fratelli e, appunto, certi pochi amici. Di quelle persone a cui, qualsiasi cosa regali, non è mai abbastanza per esprimere la tua felicità e il tuo amore per loro. Ora capisco quello che proprio non riuscivo a capire da piccola: perché mamma e papà, all'annuncio di un matrimonio, si mettevano le mani nei capelli? Non si dovrebbe essere felici sapendo che due persone che si amano si sposano? Ecco, mi sfuggiva semplicemente che bisognava far loro un regalo e vestire cinque persone da matrimonio. Che poi, se c'erano due matrimoni (ma forse, contestualizzando, sarebbe più corretto chiamarli sposalizi) si celebravano nella stessa stagione e le coppie di sposi erano imparentate o amiche tra loro, non si poteva nemmeno riciclare la mise (eh sì, sono del sud e al sud certe cose sono importanti!). E mettici pure la benzina se non era in paese.
Ecco, io non ho tre bambine, però quattro matrimoni in quattro mesi, di cui nemmeno uno a Bologna, in tutta onestà, li ho accusati!

Ma, siccome sono brava a fare di necessità virtù, e siccome la mia amica Luciana si sposa il 10 
agosto e abita su quelle sponde tanto care a Ulisse, 
foto di Luciana
perchè non iniziare proprio da lì la nostra vacanza? E perchè, dopo qualche giorno di mare, non proseguire fino a casa dei miei e da lì salire in montagna, scendere dall'altro lato per visitare l'Abruzzo e poi risalire pian pianino lungo l'altra costa dello stivale? Che tanto poi, per le velleità esterofile, ci aspetta Berlino a settembre, ma questa è un'altra storia.
Buone vacanze a a me e a voi, a chi le ha fatte, a chi le sta facendo e a chi le sta aspettando, e anche a chi non va da nessuna parte, che tanto l'importante è la vacanza nel suo significato etimologico, è cercare di fare un po' di vuoto da impegni, da pensieri e preoccupazioni, da qualsiasi cosa che sia dovuta. E a chi non ha nemmeno le vacanze...buona estate, sempre meglio del buio e freddo inverno!