la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

giovedì 10 ottobre 2013

Polpettine vegane di quinoa e zucchine

Domenica scorsa siamo andati a cena in un bel paesino nella campagna qui vicino, a casa di due splendidi amici. Considerando che su cinque persone una era celiaca e vegetariana e una intollerante al grano, e che io non mi lascio spaventare dallo spinoso terreno della cucina senza glutine, mi sono offerta per l'antipasto e ho passato un piovoso pomeriggio domenicale rilassandomi a formare palline...Palline che hanno avuto un gran successo e di cui mi è stata richiesta pubblicazione della ricetta. Cara Men e cara Picci, eccola qua!
Ingredienti per circa 40 polpettine (che se poi vi avanzano potete congelarle, così, come dice mia madre, "impicciate" la cucina una volta sola!):
120 gr di quinoa (cresce a dismisura!),
2 zucchine,
una patata media,
un pugno di farina di riso,
una manciata di semi di sesamo,
sale e spezie.

Procedimento
Lavare bene la quinoa e metterla in una pentolina coperta d'acqua leggermente salata (più o meno due dita in più della quinoa), lasciar cuocere per 15/20 minuti o finchè l'acqua non si sia assorbita e lasciar riposare con il coperchio.
Intanto tagliare le zucchine a pezzetti piccoli (una rondella in 4 parti) e farle rosolare in padella con poco olio; io le ho condite con sale e del timo limonato. Lasciar raffreddare anche queste e cuocere la patata a pezzetti al vapore oppure lessarla intera e con la buccia. In una terrina unire quinoa, zucchine e patata schiacciata e amalgamare il tutto, aggiungendo, se preferite, altre spezie. Io questa volta ho usato solo una spolverata di pepe, anche perchè il timo limonato dà già un aroma deciso. E infine, la parte zen: prendere un po' di impasto, formare una pallina, farla rotolare sul piatto su cui avrete disposto la farina di riso e i semi di sesamo e disporla sulla teglia del forno su cui invece avrete messo un foglio di carta forno. Infornare il tutto a 180 gradi per una mezzora circa o finchè le polpettine non saranno dorate, rigirandole a metà cottura.

Ovviamente per la panatura potete usare anche farina di mais e soprattutto, se non avete celiaci da sfamare, il buon vecchio pangrattato fa sempre il suo lavoro! Ma intanto, con questa versione, fate contenti i celiaci, oltre che vegani, intolleranti al lattosio...e comunque amanti di cose buone!
Non avendo foto da mostrare, ieri ho rifatto le polpette, ma in versione melanzane speziate al curry, e le ho accompagnate da questa salsina alla paprika, fatta semplicemente frullando un pomodoro maturo con un paio di cucchiai d'olio e.v.o., un pizzico di sale, un pizzichissimo di zucchero e un'abbondante spolverata di paprika forte. E a dirla tutta, stavolta ho usato sesamo e pangrattato per impanare, ché tanto non erano previsti celiaci a cena :)

E ora, due parole su questo cosiddetto "pseudo cereale" originario del Sud America le vogliamo spendere? Intanto, pseudo cereale perchè in effetti somiglia e si usa come se fosse un cereale, ma in realtà appartiene alla famiglia degli spinaci, tant'è che si mangiano anche le foglie, che io però non ho mai visto in commercio. Qualcuno di voi la coltiva e le ha provate?
La quinoa, come si suol dire, fa un sacco bene! È ricca fibre, di minerali quali ferro, fosforo, magnesio (ottimo per la salute del sistema cardiocircolatorio) e zinco, contiene grassi per lo più insaturi, contiene vitamine del gruppo B, vitamina C e vitamina E (l'antiossidante per eccellenza), proteine e carboidrati, ma soprattutto contiene due amminoacidi fondamentali, la lisina e la metionina; quest'ultima è particolarmente importante perchè il nostro organismo non è in grado di sintetizzarla e deve assumerla tramite gli alimenti che la contengono, e fa bene a farlo in quanto svolge un ruolo fondamentale nella metabolizzazione dell'insulina. Pare addirittura che sia l'alimento con maggiori proprietà nutritive: esagerato? Non so, ma intanto, visto il suo buon sapore e la sua versatilità (polpette ma anche zuppe o insalate) io ve la consiglio vivamente!

24 commenti:

  1. Mi sono cimentata con la quinoa qualche settimana fa ed è stato...un disastro. Quindi prendo spunto e mi salvo il post! grazie!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, mi dispiace|!! Dai, riprova, veglierò su di te col pensiero:)

      Elimina
  2. Non conoscevo la quinoa, può sempre tornarmi utile... anche nel junk food :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Moz, potresti preparare del finto junk food!

      Elimina
  3. ci fossi stata pure io, che sono allergica al riso, sarebbe stato davvero un problema cucinare :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, in effetti l'allergia al riso mi mancava:) a questo punto sei ufficialmente invitata a cena!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Ma come, Amanda, allergica al riso? Questa non l'avevo mai sentita neanch'io.

      Elimina
  4. Che buone! Adoro la quinoa in tutte le sue forme, polpette comprese...

    RispondiElimina
  5. Bellissimo e ricco post,io sono un pò anemica in questa fase deLla gravidanza,x cui mi farebbe bene provare la quinoa, visto il ferro ke contiene!grazie Cri :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì che devi provarla! Anzi, vista la quantità di energie che apporta è particolarmente indicata per le donne in gravidanza, quindi su, via a comprarne un pacco!

      Elimina
    2. Prendi nota Mammaeco, Amanda sa quel che dice!

      Elimina
  6. io adoro la quinoa!
    appetitosissime le tue polpette!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo sulla stessa linea d'onda :)

      Elimina
    2. Ma hai fatto davvero 40 polpettine per due volte??
      io non ci riesco, ma se me le trovo davanti le mangio più che volentieri....
      =)
      ciao

      Elimina
    3. Guarda, una volta che sei lì, diventa addirittura rilassante stare ad appallottolare e rotolare, poi, il segreto per farle durare per due volte è congelarne metà prima che arrivino in tavola ;)

      Elimina
  7. Ciao Cristiana,
    che peccato che oggi il tuo blog sia stato preso di mira così tanto da questo spamming....
    mi dispiace!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e dire che tanti messaggi blogger me li elimina da solo, nella posta stamattina avevo più di 50 mail di commenti! Ma non cederò al captcha! Intanto, grazie per la solidarietà e buona settimana, cara :)

      Elimina
  8. MMMM... che buone! Anch'io le faccio spesso, proverò anche questa versione, ad Anna le palline impolpettate piacciono più o meno con tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah come la capisco, io impolpetto tutto l'impolpettabile :) Queste però non le faccio da tanto, la quinoa, che a me piace tantissimo, ha raggiunto dei prezzi davvero esorbitanti!

      Elimina
  9. Queste le devo provare! io adoro la quinoa!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)