la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

lunedì 15 aprile 2013

E le api continueranno a morire

Aggiornamento triste di una già triste notizia. Io vi ho avvertito, per cui se non vi volete intristire/arrabbiare andate oltre.
Vi ricordate il post sulla scomparsa delle api in cui si parlava della morìa delle api a cusa dell'utilizzo di alcuni pesticidi?
Beh mi sono aggiornata sulla faccenda. E non sto per riportare una bella notizia.
L'Unione Euopea ha respinto il provvedimento che avrebbe messo al bando i pesticidi in questione, nonostante la maggioranza relativa degli stati membri abbia votato a favore del provvedimento. Ben 13 sono gli stati che hanno votato a favore della messa al bando dei pesticidi, e tra questi l'Italia, ma rappresentano purtroppo solo una maggioranza relativa e quindi insufficiente a far passare il provvedimento; 9 i paesi che hanno votato contro e 5 quelli che si sono astenuti.
Evidentemente la pressione della Syngenta e della Bayer, maggiori produttori dei pesticidi contenenti i neonicotinoidi responsabili della morte delle api, ha avuto il suo effetto.
Insomma, multinazionali - resto del mondo 1 a 0.

per saperne di più: www.aamterranuova.it


12 commenti:

  1. Sì, adesso se ne sono accorti anche in America, e tutti a lanciare l'allarme, però di eliminare i pesticidi responsabili non si parla neanche. Sarà molto difficile vivere in un mondo senza api.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà dificile sì! Vivere senza api e vivere in un mondo sempre più "storto" e che si sta accartocciando su se stesso a causa di quei pochi potenti che non guardano oltre il proprio naso e, ovviamente, i propri interessi. Che tristezza!

      Elimina
  2. Che rabbia e che tristezza...sono proprio tanto indignata!!!

    RispondiElimina
  3. Tristezza... e pensare che le api se non vai a infastidirle sono tranquillissime! Poverine :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillissime e utilissime, infatti il discorso non è solo "povere api" ma poveri tutti!

      Elimina
  4. Ciao Silvia, avevo letto del provvedimento, ma non sapevo com'era finita la faccenda e purtroppo la notizia che ci hai datto è davvero pessima!
    Ora non resta che sperare nel buon senso delle persone, che capiscano che non si può continuare a distruggere indiscriminatamente ciò che la natura ci dona....
    Non ho molte speranze però.
    Grazie di spargere la voce, presto farò un post anch'io sul giardino perfetto per gli insetti e ti citerò sicuramente.
    Bacioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh le persone possono anche avere buon senso, ma quelle che dirigono le multinazionali hanno solo il senso del denaro...
      Interessante un post sul giardino perfetto per gli insetti, tu su queste cose sei ferrata, però se mi citi fallo col nome giusto ;) (sì lo so che è stata una distrazione cara Ilaria:)

      Elimina
    2. Non ho parole, scusami, me ne sono accorta solo ora!
      Lo so che sei Cri, ma stamattina ero ancora un pò addormentata..o suonata...;-)
      A presto e buona giornata!

      Elimina
    3. Ah ah! Lo so che lo sai tesoro, ma non riuscivo a tenermi dentro la battuta ;)

      Elimina
  5. Già sono rospi amari con la varroa e altre malattie....se ci mettiamo anche i pesticidi, é la fine.
    Il mondo delle api é cosi bello da salvaguardare.... E non lo fanno, per i loro sporchi interessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, è la spiazzante e angosciante miopia delle multinazionali...

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)