Dopo la Giornata della Terra

L'altro ieri, domenica 22 aprile, coincideva con la Giornata mondiale della Terra, la nostra povera Terra martoriata e bistrattata, e quindi grandi iniziative, bei discorsi, tutta l'attenzione richiamata sul problema che il nostro pianeta non ci sosterrà ancora a lungo se non siamo noi a renderci sostenibili. Tutti più buoni, tutti (ma magari fossero tutti davvero!) a fare qualcosa di ecologico, a non inquinare almeno oggi. E poi ieri? Tutti buoni anche ieri o, come si suol dire da qualche parte al sud "passata la festa, gabbatu lu santu?" Che senso ha ricordarsi una volta l'anno che stiamo terminando le risorse a nostra disposizione? Che teniamo uno stile di vita che non ci possiamo permettere? Che migliaia di specie animali si sono estinte a causa dell'inquinamento? Che tra un po' nel mare ci sarà più materiale inerte che esseri viventi?
Personalmente, per la Giornata della Terra avevo una rara e preziosa domenica libera, e ho pensato bene di festeggiarla proprio in compagnia di Madre terra, con una bella camminata su per i colli insieme a Fra.
Siamo andati in bici fino ai piedi della collina e poi abbiamo iniziato a inerpicarci. Il cielo ci ha regalato uno dei suoi azzurri migliori
e a destra e sinistra era tutto un fiorire e verdeggiare


Era dallo scorso anno che non facevo qualche chilometro nel verde, e ne avevo un bisogno fisico! 

Volevamo andare a visitare un chiostro che pare sia molto bello, ma era chiuso, così ci siamo semplicemente mangiati il nostro panino con la cecina in compagnia del canto degli uccelli, ci siamo riposati ancora un po' e abbiamo scollinato dall'altra parte, dove pian piano casolari come quello laggiù
lasciano il posto alle ville asettiche, perfettine e rigorosamente blindate che ti dicono che sei ormai quasi in città.

E voi che avete fatto domenica? Avete festeggiato la Terra oppure no perchè tanto lo fate tutti i giorni? :)

E, a proposito di festeggiamenti, già che ci siamo, vi auguro un lieto e soprattutto consapevole 25 aprile. Io credo che quest'anno ce ne andremo qui insieme ai partigiani finchè ce n'è, e l'idea è quella di farsi anche un interessante cammino tematico.

Commenti

  1. Cara Cristiana, sino d'accordo con te, non basta ricordarlo una volta all'anno ma tutti i giorni.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, un abbraccio a te!

      Elimina
  2. Era dallo scorso anno che non facevo qualche chilometro nel verde, e ne avevo un bisogno fisico!
    Condivido il bisogno fisico di verde... sono, siamo un pezzetto di natura e viverle lontano è un inutile e dannoso sacrificio.

    RispondiElimina
  3. Ora e sempre ... Giornata della Terra :)
    BUONA LIBERAZIONE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande George! Buona liberazione a te :)

      Elimina
  4. Domenica sono stata a casa al riparo dai pollini, ma oggi sono seduta a leggere all'ombra di una farnia in Maremma. Buon 25 aprile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella la Maremma!! Buona liberazione a te Amanda

      Elimina
  5. Sì, sono sicuramente d'accordo che queste feste imposte non c'azzeccano una cippa.....
    Grazie per le tue parole, sempre ben ragionate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, tocca a noi onorarle ogni giorno e non solo quando ce lo ricorda il doodle di google.

      Elimina
  6. Domenica, come oggi, abbiamo sistemato l'orto, e seminato le piantine e i fiori (c'era e c'è ancora luna giusta per seminare). Con l'orto da badare ci stiamo un po' impigrendo (nel senso che non siamo ancora usciti a camminare o andare in bici, ma movimento ne facciamo). Da dire che sabato abbiamo piantato tre nuove piante: un noce, un fico e un pero ... quindi, abbiamo festeggiato degnamente ... oggi volevamo andare a Bologna, al Pratello per il 25 aprile, ma, avendo solo oggi di ferie sarebbe stata una tirata troppo forte per la mia età :)
    E allora, orto anche oggi, Elle ha seminato fiori e io letto un libro sulla coltivazione dei peperoncini... rossi, ovviamente, per festeggiare degnamente il 25 aprile :)
    Apropoosito: BUONA LIBERAZIONE!

    RispondiElimina
  7. Beh meno male che non siete venuti a Bologna, dopo tanti anni ho "tradito" il Pratello per andare a una festa dell'anpi sulle colline romagnole, ci sarei rimasta male se avessimo perso l'occasione di beccarci :)

    RispondiElimina
  8. Bello bello questo vostro giro in mezzo alla Natura. Ogni giorno è la giornata di qualcosa e alla fine va a finire che non è giornata di niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! E allora viva i giorni di niente, così ce li riempiamo da soli !

      Elimina
  9. Quanto mi mancano questi luoghi... Adesso andrei a farmi un giro al lago di Santa Maria. Un bellissimo tributo alla terra, il vostro. Se solo riuscissimo a comprendere veramente quanto abbiamo compromesso la nostra esistenza distruggendo l'unica "casa" che abbiamo: la Terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa, nei momenti di sconforto mi rendo conto che i danni che abbiamo fatto alla nostra casa sono per lo più irreversibili, ma continuo a provarci a migliorare le cose! Perché dici che ti mancano questi luoghi? Dove stai tu? E dov'è il lago da Santa Maria?

      Elimina
    2. Il lago è artificiale, zona Castiglione dei Pepoli. Io fino a qualche anno fa vivevo a Modena, ovviamente lì avevo il mio lago ahahahahahah
      Lago Santo, se non ci sei ancora andata devi farlo, è spettacolare, approfitta dell'estate in arrivo, ad alcuni chilometri da Pievepelago.

      Elimina
    3. No che non ci sono mai stata, rimedierò! Castiglion de' Pepoli invece sì che la conosco ma non conoscevo il lago, grazie per i suggerimenti :)

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato a dire la tua :)

Post popolari in questo blog

Torta di mele senza latte e senza uova

Polpettine vegane di quinoa e zucchine

Non buttare le bucce d'arancia