Rosamund Young dixit

È nozione comune che animali come i gatti, i cani e i cavalli, che vivono di solito in piccoli gruppi e sono trattati ognuno con attenzione, possono mostrare segnali di noia o tristezza, struggersi, provare dispiacere e rivelare un certo malessere. Le galline, di solito, vengono allevate in gruppi talmente grandi che controllarle come individui è impossibile, e quindi si tende a pensare che, dato che non attirano l'attenzione di chi le accudisce, evidentemente non hanno nulla di cui lagnarsi. [...] Gli animali felici crescono più rapidamente, sono più sani, creano meno problemi e, sul lungo periodo, garantiscono maggior profitto quando si prendano in considerazione tutti gli altri fattori, quali la nostra salute e quella dell'ambiente.

La vita segreta delle mucche - Rosamund Young, trad. A. Di Gregorio - Garzanti

Non poteva non incuriosirmi un libro con questo titolo, scritto da una donna che in una fattoria ci è nata e invecchiata. Leggerlo è stato come guardare un cartone animato, nel senso che sì i personaggi sono mucche, o pecore o galline, ma le loro sono storie familiari, o di amicizie indissolubili, rapporti che si creano e crescono, caratteri diversi che distinguono un individuo dall'altro e giornate mai uguali. Insomma racconti così avvincenti che a tratti si rischia di dimenticare che si parla di animali e non di umani, soprattutto se si resta fossilizzati nella sciocca convinzione che solo gli esseri umani abbiano sentimenti e un cervello pensante, che solo loro abbiano desideri e specificità caratteriali che li distinguono gli uni dagli altri. Ah no, anche i cani e i gatti. Ma forse anche criceti e iguana, ma solo nel momento in cui assumono il ruolo di animali domestici.
 
Eppure è proprio una mucca quella che fa da baby sitter al vitello dell'amica, e sono proprio galline quelle che, a dispetto della loro curiosità e della passione per l'esplorazione, restano a razzolare nei pressi del pollaio per stare insieme alla compagna azzoppata :)

Commenti

  1. Basta sedere in un pascolo di montagna per un tempo sufficiente per intuire che dietro a quegli occhi languidi ci sono personalità diverse

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! E si potrebbe trascorrere delle ore a impicciarsi dei fatti loro :D

      Elimina
    2. Sicuro, poi questo fatto che sai sempre come si chiamano crea una certa empatia 🐮

      Elimina
    3. Ah nel libro pure l'ultimo essere vivente ha un nome :D

      Elimina
  2. Ho adocchiato anche io questo libro nelle ultime settimane, lo leggerò presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È davvero una lettura piacevole :)

      Elimina
  3. più vado avanti e più credo che la vita forse sia quella lì...
    me lo segno grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto già darle dignità di vita mi pare non poco!

      Elimina
  4. Un libro che colpisce ed incuriosisce l'anima.

    RispondiElimina
  5. Io vivo con Sophia e Briscola e fra di noi ci capiamo. Il libro mi icurincuriose e credo che ne rimarro' affascinata. Lo comprerò.
    Un abbraccio Cri.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le tue gatte? Qualunque tipo di bestiola siano, non fatico a credere che vi capiate a meraviglia! Un abbraccio a te cara Nou

      Elimina
  6. Risposte
    1. Sicuramente è piacevole da leggere!
      Grazie Cavaliere

      Elimina
  7. Grazie per questa recensione, lo comprerò di sicuro! a prestissimo

    RispondiElimina
  8. Ah, ma che delizia! E la nuova veste del blog è molto bella. Ormai solo io resto con blogger :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, no, ma è sempre blogger! Solo che è più fico!

      Elimina
    2. Seee figurati se io ho testa di mettermi a cambiare piattaforma e impararne l'uso! :D A volte basta mettersi la maglia al rovescio per dare l'idea di aver cambiato look ;)

      Elimina
  9. Un libro decisamente curioso , me lo segno. Grazie e Ciao Marco :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato a dire la tua :)

Post popolari in questo blog

Torta di mele senza latte e senza uova

Polpettine vegane di quinoa e zucchine

Non buttare le bucce d'arancia