la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

domenica 28 febbraio 2016

Torta romantica ai carciofi

Il cattivo tempo, quando non mi deprime, ossia quasi sempre, mi rende romantica. Probabilmente complice anche un risveglio con bacino e colazione a letto, mi sono alzata con moooolta calma e con la voglia di preparare qualcosa di buono.
I carciofi sono sempre un'ottima base per preparare qualcosa di buono, e io ne avevo 3 in frigo che aspettavano di conoscere il loro destino. E poi non vi avevo mai raccontato la mia ricetta per sostituire la sfoglia surgelata, piena ovviamente di inenarrabili schifezze; e infine volevo dimostrare al mio amico Pablo che non è vero che serve per forza l'uovo o la ricotta per fare una torta salata ;)

La ricetta della pasta me l'ha data Annarita, quella dei saponi, che a sua volta l'aveva ricevuta da un'amica, che chissà da chi l'aveva imparata.
Ingredienti per la pasta:
200 gr di farina integrale di farro,
sale,
scorza grattugiata di mezzo limone,
olio e.v.o.,
vino bianco freddo

Ingredienti per la farcitura:
3 carciofi,
due spicchi d'aglio,
un limone,
olio e.v.o.,
qualche cucchiaio di latte d'avena ma va bene anche acqua,
sale e pepe,
prezzemolo

Che fare
Non ho messo le quantità dei liquidi da usare nella pasta perchè non li ho mai misurati, e anche perchè, se si cambia il tipo di farina, cambia anche la capacità di assorbimento dei liquidi stessi, per cui procedete finchè l'impasto non abbia raggiunto una consistenza morbida e "stendibile". Ma procedete come? Allora, io metto la farina in una ciotola, aggiungo il sale e eventuali spezie (in questo caso la scorza di limone mi pareva perfetta per il carciofo), mi preparo la bottiglia dell'olio e quella del vino e ne verso un pochino per volta, alternandoli e mescolando prima con una forchetta e poi passando alle mani. Quando ho raggiunto la giusta consistenza, copro e metto in frigo.
Intanto ho cucinato i carciofi, nel modo, credo, più semplice e forse più comune. Ho tolto foglie esterne e barba interna, ho pelato i gambi e ho fatto tutto a pezzi abbastanza piccoli, passando man mano i carciofi in acqua acidulata per non farli annerire. Ho messo un po' di olio in padella, con l'aglio tritato e il prezzemolo e ho quasi subito aggiunto i carciofi, un po' d'acqua, un pizzico di sale e una macinata di pepe. Ho lasciato cuocere con il coperchio e, a cottura ultimata, ho preso circa metà dei carciofi e li ho passati al frullatore con un paio di cucchiai di latte d'avena, da me medesima autoprodotto qualche giorno fa (ah com'è bello avere tanto tempo libero!), e ho riunito la crema al resto (vedi Pablito che non serve ricotta a rendere cremosa la farcia?). Dopo aver steso in una teglia quasi tutta la pasta, vi ho versato sopra il composto. Ho steso il resto della pasta e tagliato dei cuori con lo stampo da biscotti per decorare la torta e infilato in forno per una mezzora circa.
E mo ce la magnamo!
Buon pranzo e buona domenica a voi :)

Questa ricettina coccolosa la regalo a Daria per la sua raccolta Integralmente, che in questa stagione è appunto dedicata al farro, uno dei miei cereali preferiti!

23 commenti:

  1. Ma grazie, che bel pensiero domenicale! Perfetta la frolla, col vino bianco viene sempre bene! Anche il tocco di limone mi piace proprio! Inserisco subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece non ne avevo mai sentito parlare, una gran bella scoperta! Ci sta che sia una ricetta delle tue parti, visto che l'amica della mia amica è veneta.

      Elimina
  2. Bellissima! Come al solito ricetta perfetta, pochi semplici ingredienti buonissimi, da copiare appena possibile! E la pasta va bene per qualsiasi ripieno, immagino, se uno non si ritrova i carciofi, come me, per esempio...
    Buon pranzo e splendida domenica, carissimi! Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì la pasta va bene per tutto, anche per tortine piccole monoporzione. Io, da quando l'ho imparata, ne ho fatto la base di tutte le torte salate!

      Elimina
  3. Che bella la vostra mattina! Un risveglio che è il contrario del mio, io sono stata pessima, sia con marco che con quell'esserino del nostro gatto... e figurati, Marco ha fatto il pane, io in pigiama fino a poco fa..
    Ma veniamo a noi..
    Io adoro i carciofi, ma non sono tanto brava a cucinarli.. invece sono brava con le torte salate senza uova e senza latticini, ma appunto..per via degli ingredienti poco sani e che mi sono vietata (tipo l'olio di palma) è una vita che non ne preparo una.
    Dovrò vincere la pigrizia e fare la pasta sfoglia da sola, una volta l'ho fatto ed era proprio buona!
    Buona domenica Cri!
    ;***

    sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda ci ho messo più tempo a scrivere la ricetta che a fare la pasta! Beh i risvegli storti capitano, soprattutto di domenica per quanto mi riguarda, ma ora su corri a dare un bacio a marco e una carezza a nerone (o cenerino?)! E un abbraccio a te ce lo metto io ;)

      Elimina
    2. Grazie Cri!

      p.s.
      Nerone è il gatto pesciatino, che si è beccato il mio brutto risveglio e la carezza extra! Cenerino è il gatto pisano di 'ampagna, e mi sa che di coccole extra se ne beccherà anche lui!
      Un abbraccio stretto stretto anche a te! E ti farò sapere per la pasta sfoglia!

      Elimina
  4. anche i taralli si fanno con il vino bianco, io invece l'impasto per le torte salate lo faccio con la farina prescelta 250 gr totali(grano 0, mista a farro o a integrale ecc) 1 uovo (lo so non è vegano), sale, due cucchiai di olio EVO e acqua tiepida quanto basta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io la facevo più o meno così prima di questa scoperta :) Boni i taralli al vino!!

      Elimina
  5. Io la pasta la faccio mettendo acqua al posto del vino.perché diventi morbidissima va sbattuta parecchio e per qualche minuto sul tavolo su cui impasti, diventa meravigliosa ed elastica. Provala con ripieno di porri fatti cuocere con latfe vegetala.
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agli ordini Emanuela: adoro i porri!!

      Elimina
  6. I carciofi mi piacciono e ottima la ricetta.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
  7. Pensa che per me è già troppo difficile fare le torte salate con la pasta surgelata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che dici?! È n'attimo :)

      Elimina
    2. Mi sembra già una cosa troppo complessa!

      Elimina
    3. Va beh, quando verrai faremo pure un rapido corso di torte salate :D

      Elimina
  8. Risposte
    1. Tieni duro, è quasi ora di cena ;-)

      Elimina
  9. Bella la tua torta! La adoro con i carciofi! E il decoro con i cuori è bellissimo :-)
    Bell'idea frullare una parte delle verdure!
    Io di solito ci metto il tofu frullato, a volte anche l'okara di soia.
    Ciao, buona serata

    p.s. ....si è convinto Pablo? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io uso l'okara quando mi capita di averla. Pablo dice che deve assaggiarla (malfidato!), quindi mi tocca rifarla :)

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)