la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

lunedì 19 ottobre 2015

Assolta la parola contraria di Erri De Luca

Questa è decisamente la buona notizia che ci voleva oggi, e ringrazio il Cavaliere oscuro del web per averla pubblicata fresca fresca, lui che è sempre "sul pezzo" e, mi viene da dire, è una gran bella testa, anche se lo conosco soltanto tramite il suo blog.
Insomma, Erri De Luca è stato assolto! E ci mancherebbe pure, direte voi! Beh, lo direi anch'io, se non fosse per il fatto che è stata così assurda e fuori da ogni logica di buonsenso l'accusa mossagli, che a quel punto proprio non avevo criteri in basi ai quali aspettarmi qualcosa.
Più di una volta ho pensato di fare un post su questa faccenda, su questa accusa di "istigazione al sabotaggio", tanto più che sapete quanto io abbia a cuore la questione No tav, ma non ci sono mai riuscita. Perchè la faccenda era troppo assurda? Perchè io ero troppo allibita e arrabbiata? Non so. Sta di fatto che l'ho seguito e sostenuto solo silenziosamente, iscrivendomi a gruppi, firmando petizioni, condividendo post. 
Ma ora, facendo un giretto tra i blog e imbattendomi nella notizia, non ho potuto trattenermi dall'esultare e condividere.
Delle motivazioni si sa ancora poco, se non che "il fatto non sussiste". E ci voleva una denuncia e due anni per capirlo? Solo in Italia, ah no scusate dimenticavo il blogger arabo incarcerato e frustato (e non mi dite che il paragone è esagerato: i colpi inferti dai due stati hanno lo stesso obiettivo, la libertà di parola). Dicevo, quasi solo in Italia si poteva sentire una roba del genere. In Italia dove abbiamo indagati e rinviati a giudizio in Parlamento, dove la polizia picchia deliberatamente i civili (sono un po' scossa dai recenti avvenimenti della mia città), dove si raccontano fandonie e si finge di fare il bene del Paese intendendo per Paese imprenditori mafiosi e furbetti del quartierino vari, ecco, in questa Italia si processa uno scrittore per aver espresso la sua opinione su un'opera pubblica. Un'opera pubblica, se proprio vogliamo entrare nel merito della questione, spudoratamente INUTILE e DANNOSA
Ma, se mi si permette una battuta che tanto battuta non è, non sarebbe allora il caso di fare qualcosa contro, che so, un Paolo Brosio, che si è arricchito intortando povere anime con sta storia delle apparizioni e dei miracoli della madonna di Medjugorie che manco dalla Chiesa stessa sono mai stati riconosciuti? Non sarebbe almeno il caso di mettere in guardia queste tristi e circuite anime? Almeno dir loro "Guardate che se la suona e se la canta: la vostra Chiesa Cattolica non ha mai riconosciuto nessuna apparizione e nessun miracolo da parte di quella statuina"? No, è più urgente e importante zittire Erri De Luca, che sai, prima che lui parlasse, eravamo tutti d'accordo sull'opportunità della nuova linea Torino-Lione, il popolo della Val di Susa era entusiasta e portava pure la merenda agli operai al lavoro, poi dopo l'intervista all'Huffington Post tutto è cambiato, la gente ha aperto gli occhi, o addirittura si è fidata senza capacità di giudizio delle parole dello scrittore e ha iniziato a sabotare i lavori.
Ah, non è andata così? Allora semplicemente vuon dire che viviamo in uno Stato in cui esprimere la propria opinione si può, a meno che non sia contraria a quella che lo Stato stesso vuole che sia. E che dire, meno male che, almeno, ci viviamo insieme a gente come Erri De Luca.
Direi che la cosa davvero non avrebbe potuto concludersi in altro modo, e viene solo da stendere un velo vergognoso su di essa. E compiacersi di avere tra i propri connazionali una persona bella, seria, profondamente intelligente, intellettualmente onesta, fedele a se stessa e ai propri principi come Erri De Luca.

E scusate se me la tiro, ma io lui ho avuto la fortuna di conoscerlo, quando accettò l'invito della nostra libreria (e infatti volevo pubblicare una foto di quel giorno e non una presa dal web, ma non la trovo!). Ero emozionata che manco una dodicenne col ragazzo che le piace, mi feci autografare Il contrario di uno, cercando di spiegargli che mi era piaciuto tanto il concetto che il contrario di uno non sia nessuno ma due, ma ero così stupidamente emozionata che quasi faticavo a trovare le parole, e lui mi guardò con quei meravigliosi e profondi e caldi e brillanti occhi azzurri e mi disse: "Infatti, vedi che bello? In questo momento siamo in due". 
Ecco, negli ultimi due anni ho continuato a pensare: "Vedi Erri? In questo momento siamo in centinaia di migliaia, con te".

18 commenti:

  1. Oggi ho aspettato la sentenza e sono contento di quest’assoluzione. Purtroppo la libertà d'espressione in Italia è negata ogni giorno e ti garantisco che ci sono cause anche contro piccoli blogger. Comunque bisogna rimanere sempre alta l'attenzione perché ogni giorno cercano di mettere un bavaglio al pensiero libero di ogni cittadino.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pienamente d'accordo. E già sono pochi i cittadini che sono capaci di farsi un'opinione libera dai condizionamenti della pubblicità e delle notizie date come fa comodo al potere, ancora meno sono quelli pronti a difenderla in tribunale. Sì, decisamente va tenuta alta l'attenzione!

      Elimina
  2. Ultimamente non riesco ha fare post sulle faccende che mi stanno a cuore, che mi preoccupano e sui cui c'è molto mistero e disinformazione, alle volte le cose sono così assurde che diventa difficile trovare il modo di parlerne, ti capsico.. Io ho conosciuto alcuni NO TAV, persone dell'età dei miei genitori, persone normali, immerse in una situazione assurda, stanno facendo il loro dovere di cittadini e vengono trasformati (e creduti dal popolo) quasi come pericolosi terroristi. Io ho avuto questa bella notizia da twitter, ci voleva davvero... Sono contante per lui, e anche per noi.. quello che mi impedisce di gioire è tutto l'insieme che abbiamo intorno, va tutto al contrario.. sabato sono uscita per firmare per poter fare il referendum conrto l'accorpamento delle ASL toscane (premetto che la sanità Toscana è in mano a un branco di criminali) è ho scoperto che un campagno del PRC, anziano, con grossi problemi di salute e una situazione familiare non facile, dopo una protesta contro lo scempio della Sanità, ha ricevuto un avviso di garanzia, mi sonno davvero cascate le braccia.. Speriamo che questa buona notizia di oggi faccia ravvedere qualche cervello..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Non so, finchè la maggioranza della popolazione prende per informazione la propaganda di Stato, non abbiamo grandi speranze...ma a maggior raggione, come dice il Cavaliere sopra, tenere sempre alta l'attenzione! E la voce, soprattutto quando suona contraria!
      (eliminata risposta precedente per obbrobrio di battitura..)

      Elimina
    3. .... che non ho eliminato! Non ce la posso fare!

      Elimina
    4. .... che non ho eliminato! Non ce la posso fare!

      Elimina
    5. .... che non ho eliminato! Non ce la posso fare!

      Elimina
  3. ero un po' (...un po' tanto...) preoccupata, visto lo stato in cui siamo e viviamo.
    sono felice.
    e d'accordo che l'attenzione vada tenuta sempre alta. Sto aspettando, cosa che non faccio mai, i TG della sera...vediamo se qualcuno si degna di dare questa notizia, in mezzo a tutte le cavolate (...sto moderando il linguaggio...) che propinano: magari tra un grande fratello e un renzi-pensiero...qualcuno ne parla!
    un abbraccio
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella casa dove siamo ora non c'è l'antenna, c'era la parabola ma l'abbiamo smontata perchè era davvero brutta da vedere, ma se così non fosse aspetterei anch'io i tg della sera con la tua stessa curiosità...e probabilmente andrei a dormire con rabbia e braccia cadute. Spero tu non debba farlo, ma non ho molta speranza! Un abbraccio a te

      Elimina
  4. felice per l'assoluzione, infelice all'idea che quei giudici hanno perso tempo prezioso per una causa senza fondamento quando avrebbero potuto dedicarsi a cause che rischiano di finire in prescrizione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...senza contare le prescrizioni "organizzate" ad hoc...

      Elimina
  5. Finalmente una buona notizia!
    Annegando in quelle cattive, se ne sente il bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bisogno sempre più impellente, vista la marea infinita delle notizie cattive!

      Elimina
  6. Applaudo alla buona notizia e faccio presente che ai TG ne hanno parlato... poco e fra tanta immondizia. Comunque ormai la mia fonte di notizie più affidabile non sono le tv ma i blog come il tuo e quelli che hai linkato nel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, non avevo dubbi su quanto e come avessero riportato la cosa i notiziari...Infatti, e non mi stancherò mai di sirlo, ormai non mi stupisco del modo in cui (non) danno le notizie in tv, mi deprimo solo al pensiero che la maggior parte della popolazione apprenda e prenda per buone soltanto quelle.

      Elimina
  7. Bellissimo post per una bellissima notizia. Cerca di trovare quella foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia, mi dai sempre soddisfazione! Per la foto, sto cercando nei vari hard disk esterni e lanciato un appello agli ex soci :)

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)