la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

venerdì 26 giugno 2015

Chi aiuta chi

A parlare di immigrati, profughi, rifugiati, sopravvissuti alle spire del mare dopo essere sopravvissuti alla guerra e alla fame, nel 99% (questo rappresenta l'1%) dei casi esprimo soprattutto rabbia, frustrazione e sconforto. Beh, dopo aver letto questa notizia, quel post non sarà più solo.

“La nostra moschea è nel cuore della città”, sottolinea l’imam. “Dalla sua apertura, nel 2012, è diventata un luogo di incontro e dialogo, patrimonio di tutti i catanesi”. A confermarlo, seduti alle tavolate per la cena del Ramadan, sono alcuni anziani del quartiere, serviti dai volontari del Centro islamico. Cercano, a gesti, di capirsi con dei giovani siriani, sbarcati da pochi giorni. Per loro, come le per migliaia di connazionali che li hanno preceduti, la moschea di Catania continua a essere un punto d’appoggio nel lungo viaggio verso il nord Europa. 
 
Felice giornata a voi :)

6 commenti:

  1. ormai questo è l'argomento unico nelle nostre città... invece di parlare di solidarietà si parla invece di quanto portino problemi... noi qui in Liguria siamo nelle mani di Toti e della Lega, non dico altro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se la gente prima o poi capirà che chi comanda (politicamente ed economicamente) ci sta portando a una guerra tra poveri per far sì che non ci venga in mente di ribellarci a tutte le schifezze che intanto succedono più in alto. Probabilmente no, almeno finchè la suddetta gente continua a nutrirsi di televisione.

      Elimina
    2. Ma se i media pubblicassero più notizie come questa, porca miseria!

      Elimina
    3. Sarebbe già tanto se i media pubblicassero non solo notizie che fanno comodo a chi i media li possiede e se le pubblicassero in modo meno fazioso..

      Elimina
  2. Molti ancora non hanno capito che i poteri forti, vogliono le guerre tra poveri e speriamo che l'umanità si svegli.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo sì! Buona domenica a te cavaliere

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)