la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

sabato 31 agosto 2013

Cucinare le erbe spontanee: la portulaca

Devo ammettere che sul riconoscimento delle erbe spontanee ho ancora tanto ma tanto da imparare, perciò ogni volta che aggiungo una pianta nuova al mio bagaglio ne gioisco.
Questa è la storia di una piantina, molto carina, di quelle che crescono senza che nessuno le abbia piantate.

Bellini questi fiorellini gialli no?
Fino all'anno scorso spuntava letteralmente sul balcone, tra le mattonelle, per cui da lì andava sradicata per forza, ché le radici in generale sono potenti e formano crepe nel pavimento. Ma quest'anno è spuntata nel vaso dell'aloe, e così l'ho lasciata lì, a far colore tra le piante grasse, che poi ha queste foglie cicciottelle che fanno sembrare un po' pianta grassa pure lei.

Poi Daria di GocceD'aria ha pubblicato questo post e io ho riconosciuto la mia pianticella dai fiorellini gialli!
Così sono scesa subito in terrazza, ho fatto un ulteriore confronto tra le foto, che avevo poi cercato anche in internet per maggior sicurezza, e il mio esemplare, e sì, è proprio una piantina di portulaca quella che si è autoinvitata nel salotto delle piante grasse! Ne ho staccato una fogliolina e l'ho messa cautamente in bocca, assaporandone il gusto, mi sono sentita molto Flo, la piccola Robinson :)
Il gusto era buono, tra l'acidulo e il tipico sapore di erba, ne ho preso qualche gambo e l'ho messa nell'insalatona che ho preparato per pranzo. No la foto non l'ho fatta, anche perchè non ho una vera e propria ricetta da mostrarvi: questo è successo qualche settimana fa e intanto io continuo a raccoglierla e la infilo nell'insalata mista, nell'insalata di pomodori e cipolle, nell'insalata di patate, nel farro alle verdure, nella pasta fredda (ho visto anche ricette di pasta condita con la portulaca o di frittata con portulaca, alcune persone la usano nelle zuppe come addensante per la sua consistenza leggermente mucillaginosa), insomma praticamente dovunque! Anche perché, udite udite, questa piantina è ricca di proprietà nutritive! Intanto, ha pochissime calorie (circa 170 per 100 grammi), mentre abbonda di fibre, minerali (ferro, magnesio, potassio, calcio e manganese) e vitamine (è ricca di vitamina C, di provitamina A di vitamine B1, B2, B3 e B6). Inoltre è il vegetale che contiene il maggior quantitativo di acido alfa-linoleico, che è un omega 3, ed è tra le piante più ricche di beta-carotene. Ha infine prorietà diuretiche e depurative.
Diversi studi condotti sui topi e in vitro le attribuiscono addirittura un'attività inibitoria delle cellule tumorali gastriche, del fegato e del colon.
Come ho già accennato, si consuma sia cruda nelle insalate che cotta in condimenti, zuppe, frittate e farinate, si può conservare sott'aceto o sotto sale e poi essere utilizzata per insaporire i piatti. Si mangiano le foglie, i gambi e ho letto che si possono conservare i boccioli in salamoia per essere poi utilizzati a mo' di capperi.

Insomma, pare che da sempre si conosca e si utilizzi la portulaca (che in ogni parte d'Italia ha tanti nomi diversi, dalla porcellana all'erba grassa ad altri più fantasiosi che potete trovare su wikipedia), forse sono stata l'ultima a farne la scoperta, e se non sono stata l'ultima magari questo post sarà utile a qualcuno che da sempre ce l'ha nell'orto, nel giardino, sul balcone, ma non aveva mai pensato di assaggiarla!


fonti: http://it.wikipedia.org/wiki/Portulaca_oleracea
http://www.dottorperuginibilli.it/-archivio-articoli-/481-la-portulaca
http://www.goccedaria.it/item/portulaca-sottaceto-e-attivit%C3%A0-di-ferragosto.html 


12 commenti:

  1. :-) Anche tu innamorata di questa erbaccia! Io la raccolgo dall'orto con la scusa di ripulirlo dalle erbacce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, io me la coccolo come tutte le sue compagne di terrazzo ora ;)

      Elimina
  2. Per me era solo una piantina decorativa, quante cose si imparano dai blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pe, hai dato soddisfazione al mio post: è bello condividere quanto si è imparato!

      Elimina
  3. Sai che mi darò anche io al pollice verde?
    Mi hanno portato uno habanero e voglio far crescere una piccola pianticella :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belli e buoni i frutti di habanero, bravo, tienine cura!

      Elimina
  4. tipica erbaccia che cresce anche da noi e che vendiamo al mercato e ci costa zero fatica, ahahah!!!

    Molto buona cruda in insalata o saltata in padella con aglietti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cotta non l'ho ancora mai provata, ma lo farò: d'altronde cosa non sta bene con gli aglietti!

      Elimina
  5. Ma ch sorpresa, pensa che io la compravo per piantarla in terrazza, ma non ho mai saputo che fosse commestibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mangia mangia, che è buona, ti fa bene e è aggratisss :)

      Elimina
  6. Be', visto tutte queste benefiche proprietà, vado a fare delle ricerche per vedere se è anche sul mio balcone o in giardino, e poi me la magno ;)
    Grazie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerca cerca, che sicuramente troverai!

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)