Riportatemi indietro

Quella che è passata è stata una settimana meravigliosa, di cammino, di mare, di sole, di coccole in famiglia (di Fra) e con gli amici. Ne avevo bisogno, avevo bisogno di riposarmi e di rilassarmi perciò, vista l'aria che tirava, ho deciso di non comprare giornali nè leggerli online. Poi va beh, vuoi la tv accesa a casa della suocera, vuoi la radio al bar, qualcosa avevo intuito.
Ma è stato al ritorno che mi sono documentata un po' meglio, per apprendere che l'ignoranza dilagante nel nostro Paese è riuscita a riportare l'Italia indietro di un secolo, che abbiamo un governo ridicolo, inquietante e praticamente fascista, che abbiamo messo al ministero dell'Interno il più razzista dei razzisti, il quale ha già sparato la prima enorme cazzata insinuando che qui i migranti stiano facendo la pacchia (no ma ti vedo proprio sul pezzo, molto ben documentato e consapevole!). Ho appreso che invece al ministero della Famiglia e disabilità ci sta un omofobo ultracattolico pronto a rendere la vita impossibile a chi non è perfettamente allineato con la sua e ribadisco sua idea di famiglia. Ho scoperto che c'è stato un omicidio in Calabria ma niente di grave, visto che la vittima era solo un negro e forse pure ladro perciò se l'è andata a cercare, e poi un negro in meno fa solo più spazio e più pulizia per noi italiani belli, bravi e bianchi.
Durante la settimana scorsa ho camminato molto. A un certo punto abbiamo dovuto scavalcare un monte percorrendo una via ripidissima e che sembrava non finire mai. I telefoni a tratti non prendevano e non eravamo nemmeno sicuri al 100% che fosse la via giusta, gli altri erano abbastanza tranquilli, io invece, complice il caldo, il peso dello zaino, la stanchezza di tutte le ore camminate, il senso di vertigine che mi prende negli spazi alti e aperti, mi sentivo a un passo dal panico e quella sensazione mi ha lasciata solo quando ho avvistato la statale. Però, ora che sono qui e che mi rendo conto della situazione, forse preferirei addirittura tornare su quel monte. Riportatemi indietro.
meglio ancora se mi riportate qui

Commenti

  1. Chissà se Salvini sa chi raccoglie - spezzandosi la schiena - i pomodorini della sua insalata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sa lo sa, e sa pure che la schiena se la spezzano per una paga che non è manco degna di chiamarsi tale. Ma sa pure quanto sia facile e conveniente renderli capri espiatori delle condizioni in cui versiamo.

      Elimina
  2. Non è poco informato, fomenta i poco informati, li disinforma, li aizza che forse è peggio getta tozzi avvelenati a chi già ringhia di suo.

    Ma come le vertigini ninnina e dove mai ti hanno portata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mica chissà dove, eravamo tra Punta Ala e Castiglione della Pescaia, il monte non arrivava a 500 metri, era l'inclinazione della salita e il terreno a tratti non stabilissimo a mandarmi in ansia, a farmi camminare a testa bassa e ripetere nella mia testa "sono una capra sono una capra sono una capra" e "prima o poi finirà!" :)

      Elimina
    2. E ti varda vanti! Cossa vardito basso o i pie, varda vanti 😀

      Elimina
    3. Ahahah! Ma tesoro di una scalatrice montanara se guardavo avanti vedevo un sentiero VERTICALE in mezzo alla montagna che mi diceva non ce la puoi fare, invece guardare i miei piedi uno davanti all'altro e pensare "prima o poi arriverà l'ultimo passo" mi aiutava ad andare avanti :)

      Elimina
  3. Cara Cristiana, non voglio dire cose inutili, cerco di essere ottimista!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso, un abbraccio a te!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato a dire la tua :)

Post popolari in questo blog

Torta di mele senza latte e senza uova

Polpettine vegane di quinoa e zucchine

Non buttare le bucce d'arancia