la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

lunedì 7 novembre 2016

Naomi Klein dixit

Per la nostra attuale classe dirigente, le politiche tese a far consumare di meno le persone sono molto più difficili da accettare di quelle che cercano di incoraggiarle a consumare verde. Consumare verde, infatti, significa solo sostituire una fonte energetica con un'altra, o un determinato modello di beni di consumo con uno più efficiente. La ragione per cui abbiamo messo tutte le nostre uova nel paniere della tecnologia e dell'efficienza verde è proprio perché questi cambiamenti si collocano nell'alveo sicuro della logica di mercato: di fatto, ci spingono a comprare nuove automobili e lavatrici verdi più efficienti.

Naomi Klein - Una rivoluzione ci salverà- traduttori vari - Rizzoli


Ieri sera ho visto il documentario di Leonardo Di Caprio sul cambiamento climatico, Before the flood, e l'ho trovato alquanto deludente, benchè non ci si potesse certo aspettare più di tanto da un attore americano col pallino dell'ecologia. Perchè è pur sempre un attore americano che parla agli americani e tanti americani ritengono così sacrosanta la loro famigerata libertà che distruggerebbero casa loro piuttosto che far delle rinunce per salvarla. E allora non gli si può dire "mangiate carne una volta alla settimana", gli si deve dire "sostituite il manzo col pollo"; non gli si può dire "andate a piedi o in bici che vi fa solo bene", gli si deve dire "usate benzina verde". Poi certo è vero che, come dicono da queste parti, piuttosto che niente è meglio piuttosto, ed è vero anche che da quelle parti c'è ancora chi cerca di far passare la "teoria" del surriscaldamento globale come una bufala, per cui forse già che il suo lavoro sia giunto a dimostrare che una bufala non è e che anzi non c'è più molto tempo da perdere, è gran cosa. Ma la sensazione che lui avesse molta più coscienza di quanta ne sia riuscito poi a trasmettere resta un po' frustrante: Di Caprio è una persona che potrebbe trascinare folle, che potrebbe spostare opinioni, è bello, bravo, intelligente, eppure la mia sensazione è che, per tutto il film, cerca di essere gentile con tutti e di non far arrabbiare nessuno. Peccato.
Detto ciò, vi auguo una splendida e il più possibile ecologica settimana!

10 commenti:

  1. Se fa arrabbiare qualcuno perde ammiratori poverino, mica se lo può permettere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti se da un lato il suo averci messo la faccia è positivo perchè magari lui riceve più attenzione e consenso di uno scienziato sconosciuto, dall'altra ci è andato decisamente "morbido"..

      Elimina
  2. Un grave cambiamento climatico è in atto, purtroppo l'uomo per anni ha inquinato e distrutto tutto l'habitat naturale e senza rispetto di niente, senza un'inversione di tendenza, non vedo un bel futuro.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io Cavaliere, e non lo vediamo perché semplicemente non c'è

      Elimina
  3. Il punto è proprio quello qui pochi vogliono rinunciare a qualcos'altro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... pensando che le cose si rigenerino all'infinito.

      Elimina
  4. Considerando il fatto che un terzo del cibo prodotto nel mondo viene sprecato e che c'è gente che muore di fame ne discende che le contraddizioni (eufemismo) sono arrivate a un livello inaccettabile.
    Forse sarà la fine del capitalismo e di conseguenza questo tipo di economia rapace a far cambiare radicalmente le abitudini di quella parte di umanità sprecona e consumatrice senza regole di energia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono anni che sogno la fine di questo modello economico folle.

      Elimina
  5. Purtroppo la settimana non si è rivelata delle migliori :-(((

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)