la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

giovedì 9 aprile 2015

Terre gratis a chi le vuole

Ho tante notizie appuntate nei segnalibri che vorrei postare e commentare con voi, ma il tempo libero in questo periodo è davvero poco e quel poco, onestamente, cerco di passarlo all'aria aperta.
Però questa è una specie di comunicazione di servizio, per cui ha la precedenza sulle altre. 
La signora Taddei e suo marito, che devono essere proprio delle belle persone, possiedono diverse terre in Piemonte e in Toscana, eredità di famiglia e, nonostante, mi par di capire, non siano dei contadini, ne riconoscono il valore. Non parlo di valore in termini economici ovviamente, bensì dell'immenso valore di una terra fertile, un terreno da coltivare e da cui ricavare sostentamento. 
Bene, i signori in questione, riconoscendo il suddetto valore ma non avendo nè tempo nè testa di reinventarsi coltivatori, la cedono. Sì la danno gratis, o a un canone d'affitto simbolico, a chi la vuole e ha capacità, tempo e voglia di renderla fruttuosa.
foto di elioleggiero
Sarà che ho da poco finito di rileggere Furore di Steinback e mi sento un po' nell'ottica che chi abbia un po' di terra da coltivare abbia praticamente tutto ciò che occorre, sarà che la generosità è una qualità che ho sempre ammirato molto nelle persone (più che altro non mi sono mai fidata dei "braccini corti"), leggere la lettera scritta dalla signora Taddei mi ha messo di buon umore, ho condiviso la notizia su facebook e poi ho pensato di farlo anche qui, perchè sai mai che qualcuno tra voi girasoli viva nei dintorni di Asti o nel Grossetano e vada a far quattro chiacchiere con questa bella gente, che forse, a prescindere, sarebbe interessante conoscere!

21 commenti:

  1. Proprio un bel gesto,speriamo che qualche persona volonterosa si dia da fare!Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Io intanto avevo in mente di scriver loro a prescindere, così, solo per dire grazie :)

      Elimina
  2. Ho riletto Furore da poco perché non ricordavo le pagine finali e il finale mi ha sconcertata per il grande e generoso senso di umanità.
    Se fossi appena un po 'più giovane ci andrei di filato a parlare con la signoraTaddei.
    Ciao Nou :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, quel finale è di una potenza disarmante, non che il resto del libro sia da meno...

      Elimina
  3. Inviato a mia cugina viti-ulivicultrice nel grossetano, grazie

    RispondiElimina
  4. Bella notizia, metto in circolo, sperando sia recepita e messa a frutta a chi della terra vuole fare cose giuste e sane, come coltivare (magari la Canapa). Trovo che sia assurdo e una prova abbastanza chiara dell'incombenza del sistema mafia su tutto ciò che può essere riconvertito in cemento, che in Italia i terreni coltivabili abbiano poco valore economico e zero tutela, perché con una bustarella e un... paio di minacce scherzose il bel campo fertile può diventare "terreno edificabile" senza se e senza ma, può essere espropriato, ecc...
    Dalle mie parti la terra era fertilissima, facile da lavorare ma è stata saccheggiata dalla mentalità da cavallette... meglio che non ci penso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, dalle tue parti poi è stato un vero e proprio scempio. A casa di mia suocera ho trovato un librino su San Rossore e zone limitrofe: quello che era livorno e dintorni se l'è davvero mangiata il cemento!
      p.s. A pasqua alla fine c'è stato un incrocio di famiglie qui da noi, il nostro aperitivo ha da aspettare ancora ;)

      Elimina
    2. mi sa che quel librino forse c e l'ho anch'io, quando ho letto della speculazione che voleva fare la Sofia Loren ho capito perché quella donna non l'ho mai sopportata...
      Purtroppo siamo stati troppo buoni e abbiamo distrutto posti bellissimi, che per me meritavano molto più di altre zone tanto blasonate ma solo perché sono garbate di più all'americani.. va be...il comune di San Giuliano è tutto un degrado..

      Elimina
    3. Sì mi sa che è lo stesso libro, anche lì parlava dei "desideri di possesso" della Loren e Carlo Ponti...

      Elimina
  5. Semplicemente meravigliosa questa idea dei proprietari! Bravissimi! Speriamo che vada tutto a buon fine!

    RispondiElimina
  6. Decisamente una bella cosa! Chissà che ci sia chi ha voglia di mettere le mani in campo!

    RispondiElimina
  7. questo gesto fa pensare che allora c'è ancora speranza

    RispondiElimina
  8. Ma che splendide persone! E grazie a te che le vai a scovare! :-)

    RispondiElimina
  9. Bella storia davvero! E, come dice Silvia, grazie per averla scovata :)

    RispondiElimina
  10. Che immenso senso di umiltà e vero amore e rispetto per la Natura! E bellissima anche la tua idea di scrivere loro una lettera...

    RispondiElimina
  11. Ho letto e condiviso anche io la notizia su facebook.....hai ragione, devono essere veramente delle belle persone! La loro è un 'iniziativa davvero generosa, nei confronti delle persone e della terra, che così viene mantenuta fertile!
    Ciao Cri, buonanotte
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Serena, facciamo girare :)

      Elimina
  12. Risposte
    1. Come riassumenre un post in sei parole :) Ben detto Alli!

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)