la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

martedì 9 ottobre 2012

Oli aromatici autoprodotti

Oltre ai metodi di essiccazione e congelamento, ho sperimentato un altro modo di utilizzare odori e spezie senza avere sempre a disposizione la pianta: l'autoproduzione di oli aromatici. Vista l'abbondanza degli ingredienti, ne ho prodotti diversi; per tutti ho usato olio extravergine d'oliva di un frantoio delle mie parti da cui ci riforniamo.
Dopo essemi documentata tra web, libri e zie, ecco come ho proceduto, e, visto che ora sono pronti, posso garantirvi che il risultato è ottimo.

Per l'olio all'aglio ho sbucciato 9 spicchi d'aglio abbastanza grossi, li ho messi in un barattolo di vetro da 1 litro e ho riempito di olio.
Ho tenuto a macerare al buio per 15 giorni, dopodiché ho filtrato e imbottigliato (e già regalato una bottiglietta!).
Dopo qualche giorno di macerazione gli spicchi d'aglio diventano bruni, non saprei dare la spiegazione tecnica di questo processo, ma so che è normale, che non è un segnale che abbiamo sbagliato qualcosa.
L'olio è ben aromatizzato ma delicato, è perfetto sul pane abbrustolito ma anche sulla pizza o su una pasta semplice...in realtà io sono un'appassionata dell'aglio, quindi lo metterei dappertutto!

Per l'olio al basilico ho scoperto che si possono usare le infiorescenze delle piante e ne sono stata proprio felice: io le tagliavo per far crescere più rigogliosa la pianta ma mi dispiaceva buttar via quei rametti profumatissimi, ora finalmente anche loro hanno avuto uno scopo!
Ho poi scoperto che mia madre le utilizza allo stesso modo delle foglie, chissà perchè io pensavo che non fossero commestibili.
Comunque, ho riempito una ciotola di infiorescenze e qualche foglia, le ho lavate bene e lasciate asciugare su un canovaccio.
Queste le mie quantità

Quando erano perfettamente asciutte le ho messe in un barattolo e proceduto come per l'aglio, tenendole però per circa 20 giorni, visto che il basilico ha un aroma più delicato di quello dell'aglio.
Ad ogni modo, nessuno vi impedisce di aprire il barattolo e controllare lo stato delle cose, anzi io ve lo consiglio.



L'olio al peperoncino l'ho fatto l'anno scorso, utilizzando i peperoncini lunghi "di giù", ossia quelli coltivati dai miei genitori.
Questo tipo di olio aromatico è il più semplice perchè non c'è bisogno di filtrare.
Ho lavato una manciata di peperoncini e lasciato asciugare bene, li ho spezzettati grossolanamente, in modo da rendere disponibili anche i semi, e ho infilato tutto in una bottiglietta che ho riempito d'olio. Dopo una settimana/10 giorni l'olio inizia già a piccare, ma ovviamente tanto dipende da quanto sono piccanti i peperoncini utilizzati.
Dicevo che questo tipo di olio è il più semplice anche perchè non va rifatto ogni volta: io nella stessa bottiglia rabbocco l'olio quando sta per finire (ovviamente bisogna poi aspettare un po' perchè prenda sapore) e quest'anno ho aggiunto dei peperoncini nuovi, visto che ormai quelli iniziali cominciavano a perdere il loro "potere".

Quando sono venuti i miei genitori qualche settimana fa, mia madre si è innamorata dell'olio al basilico e ultimamente mi ha raccontato che aspetta con ansia che sia pronto anche il suo: devo ammettere che è una gran soddisfazione dare ispirazione culinaria alla persona che per anni ha cucinato per me e mi ha insegnato gran parte delle cose!

19 commenti:

  1. Quanto dura l'olio all'aglio?
    Cerco di spiegarmi meglio, una volta fatto entro quanto va consumato?
    Mi piacerebbe fare quello al rosmarino, secondo te e' meglio far seccare gli aghetti o usarli freschi?
    Scusa il terzo grado!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Mah, io non credo che vada a male, quanto meno non in breve tempo perchè di fatto non restano organismi nell'olio, quindi non dovrebbero crearsi muffe, e l'olio d'oliva di per se ha una lunga durata. In ogni caso, io l'ho fatto da circa un mese e mezzo ed è sempre fresco e profumato (e quasi finito, sob!).
      Al rosmarino non l'ho ancora fatto ma lo farò, io userei dei rametti freschi perchè, per quanto le piante essiccate conservino l'aroma, credo che da fresche ne abbiamo molto di più. Poi se li avessi solo secchi proverei lo stesso, mal che vada devi tenerlo a macerare più a lungo, e, se non funziona, l'olio puoi consumarlo comunque.
      Nessun problema per il terzo grado, i commenti servono anche ad approfondire e, come in questo caso, a farmi riflettere su aspetti che non avevo considerato ;)

      Elimina
  2. Mamma che bontà!!! L'olio all'aglio poi deve essere speciale!!!!!!!!! Quasi quasi mi attrezzo e ne faccio un pò visto che ho dell'aglio di orto e un ottimo olio evo salentino...Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, hai anche gli ingredienti di ottima qualità, fallo che ti darà tanta soddisfazione...e sapore!

      Elimina
  3. Mia madre fa quello al peperoncino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, è un classico delle nostre zone ;)

      Elimina
  4. Buoni!!!
    Ho fatto quello al peperoncino ma non avevo mai pensato a quello al basilico e anch'io ne ho sempre tanto che a forza di fare del pesto non so più dove metterlo.
    E' un'ottima idea, grazie Cri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, io l'ho già provato su pizza e pasta e appena arriva il freddo lo userò sicuramente sul minestrone!

      Elimina
    2. Consigli perfetti!
      Bacio e buon week end!

      Elimina
  5. Mi hai fatto venir voglia di andare a fare qualche esperimento. In effetti mi piace parecchio l'idea di portarmi i sapori dell'estate durante tutto l'inverno. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura! Sono contenta di averti dato uno spunto, buon esperimento allora ;)

      Elimina
  6. Cri ho appena fatto quello all'aglio e al peperoncino :-) grazie per il tuo post, sempre un'inspirazione per me!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Gio! Con tutto quel che hai da fare ultimamente tra l'altro...
      Grazie a te per aver seguito le mie ricettina ;)

      Elimina
  7. Ma che fantastici questi oli aromatici! L'anno prossimo li voglio fare anch'io... per ora io faccio solo quello al peperoncino con quelli del'orto... Sono anche una bella idea per un regalo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì infatti, è un regalo insolito, utile, sano e saporito: la nostra bottiglietta di olio all'aglio è stata molto apprezzata!

      Elimina
    2. Ciao, avevo giusto deciso di parlarne su Terra Madre, prenderò spunto da te :) Grazie!

      Elimina
    3. Mi fa piacere averti dato ispirazione :)

      Elimina
  8. Brava!
    io ho fatto un mio personale esperimento aromatizzando l'olio con diverse cose, però tutte insieme! Avevo messo salvia, timo, chiodi di garofano, chicchi di pepe nero, aglio in spicchi e non so cos'altro. Niente male, ma credo che fare le cose separate rende tutto più delicato e apprezzabile.
    Grazie delle idee, sempre molto interessanti.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh anche i mix però sono interessanti! Forse però dovresti abbinare meno cose per volta per apprezzarli al meglio ;)

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)