Largo ai giovani (ecologisti)



Io non credo che le migliaia di ragazzi scese in piazza in tutto il mondo venerdì scorso lo abbiano fatto solo per saltare un giorno di scuola. Io li ho trovati molto più consapevoli e combattivi di tanti adulti che ritengono più importante mettersi a polemizzare sulla malattia di una ragazzina piuttosto che parlare di cambiamento climatico, che non vedono l'ora di fare della dietrologia con l'aria di chi la sa lunga (l'unica cosa che non sanno è quanto siano ignoranti), a fare quelli che "tanto ormai è troppo tardi" senza manco sapere di cosa stiano parlando.
A me tanti di questi cosiddetti millenials non dispiacciono affatto e mi danno pure una certa fiducia. Fiducia che è nata già prima dello sciopero di venerdì scorso, che ha preso forma anche dentro Camilla, dove i soci ventenni non mancano, e sono quelli più convinti e più entusiasti. 

Non so se sia solo la naturale convinzione che si ha a vent'anni di poter cambiare il mondo, se così fosse mi auguro che questa convinzione li accompagni e li guidi finchè campano. 
D'altronde io ci credo ancora anche se di anni ne sto per compiere 43 :)

Commenti

  1. Il mio pensiero in questo caso è: faccio dietrologia perché è palese che dietro ci sia qualcosa (guardacaso, zac, libro di questa tizia già pronto). Serve? Sì, è una causa giusta, per una volta.
    Ma il mio sogno è che ci si arrivi da soli, da una coscienza individuale e consapevole. Questa però è utopia.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti il discorso non è chiedersi chi sta dietro a Greta, com'è che una ragazzina sia riuscita a mobilitare migliaia di persone o sospettare che tutto ciò servisse a pubblicizzare il libro di sua madre, è piuttosto il focalizzarsi su questo. È l'infangarla perchè viaggia in treno, mangia una banana e ha una borraccia di metallo anziché di vetro; è, come succede sempre più spesso, cercare il mostro per poter dare sfogo alla propria rabbia e frustrazione, è denigrare chi fa qualcosa per poter giustificare la propria inerzia. Come dici tu, è una causa giusta, e allora riflettiamo su questa casa invece sputare su tutto e tutti.
      p.s. A far uscire un cosiddetto "instant book", comunque, ci possono volere pure due sole settimane :)

      Elimina
    2. Sì, ma qui sa tutto di costruito, a partire dal suo aspetto, a partire dal mangiare la banana, dal treno, dalla borraccia. È un personaggio in tutto e per tutto, ma non sono problemi miei: non sono gretino, ma sono d'accordo con Greta ;)

      Moz-

      Elimina
    3. Io pure, qualunque sia il suo aspetto e chiunque l'abbia messa lì :)

      Elimina
  2. Sono positivamente impressionato dalla manifestazione e da questi ragazzi di varie parti del mondo che non dicono ai più vecchi di togliersi dai piedi ma, al contrario, chiedono a tutti di aiutarli
    ad avere un futuro. Inoltre vedo che tutto si è svolto in modo veloce da Greta Thunberg che ha iniziato lo scorso anno sino ad oggi. Sono con loro, ho fiducia in loro.
    Un salutone

    RispondiElimina
  3. Cara Cristiana, sono pure io impressionato da questa giovane gioventù, spero che con il tempo si possa vedere dei risultati, se anche penso sia molto difficile.
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Molto felice che, per una volta, finalmente una manifestazione per il clima e l'emergenza ecologista abbia avuto un discreto successo a livello mondiale! Meno mi importa di come possa essere stata strumentalizzata Greta... adesso la cosa importante sarebbe che i "grandi" del pianeta dessero qualche risposta concreta, facessero qualche azione reale... invece temo che prenderanno tempo, come hanno fatto finora. E starebbe a tutti noi, giovani e meno giovani, non abbassare la guardia e continuare, sempre più forti e sempre più convinti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno, Silvia! Se vogliamo essere incisivi sul clima e approfittare dell'ultima chance che abbiamo, credo che bisogni intervenire a livello legislativo e senza sconti per nessuno, sensibilizzare le singole coscienze lo si fa da decenni e guarda dove siamo...

      Elimina
  5. A me sembravano bellissimi e consapevoli, non tutti certo, ma erano veramente tanti

    RispondiElimina
  6. D'altronde io ci credo ancora anche se di anni ne sto per compiere 43 :)
    Concordo in pieno, io che ne ho appena fatti 4* 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che ci siamo allora, sognatori e combattivi a lunghissima scadenza ;)
      Buon compleanno in ritardo caro Alli!

      Elimina
  7. ho trovato vergognose le dichiarazioni di molti cosiddetti “grandi"

    RispondiElimina
  8. Anch'io credo che tutti quei ragazzi non si siano mossi per saltare un giorno di scuola. Spero che questo movimento abbia lunga vita e che venga ascoltato.
    Ciao Cri, hai la stessa età di mio figlio più giovane, li compie oggi.
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un ariete come me! Spero che in adolescenza ti abbia dato meno problemi e pensieri di quanti ne ho dati io :) Ciao bella Nou ti abbraccio

      Elimina
  9. Ho visto il post della mitica Amanda e passo di qui per farti tanti auguri!!

    RispondiElimina
  10. Intanto, come dici te questi giovani mi piacciono e ho più fiducia in loro che in quelli di dieci anni fa;
    poi è importante sapere che la monella ha dietro qualcuno ? Di certo ha un entourage che organizza le uscite, ma è questa la cosa importante? Oppure è importante che ci sia qualcuno (a)
    che riesce a sensibilizzare l'opinione pubblica(e speriamo anche i governanti) su un tema così importante? Se avesse qualche suggeritore i problema cambierebbe? No, no davvero.
    E allora ben venga Greta e tutti quelli che hanno forza e voglia di farsi carico della salute della nostra terra e sostituirsi a noi che abbiamo toppato.

    RispondiElimina
  11. Buona pasqua e pasquetta e un saltuone

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato a dire la tua :)

Post popolari in questo blog

Torta di mele senza latte e senza uova

Polpettine vegane di quinoa e zucchine

Non buttare le bucce d'arancia