Sono stata rapita da Camilla

Sono pessima. Lo so. Non si fa. Non si sparisce così senza dire nulla e il fatto che non sia la prima volta non mi giustifica, e non mi giustifica nemmeno il fatto che quando ho scritto l'ultimo post non pensavo fosse l'ultimo prima di una lunga pausa. Sono pessima però sono bravissima a trovare giustificazioni e a farmi prima o poi perdonare :)
A parte che ormai lo sapete che il freddo mi rende taciturna e poco entusiasta, ah il freddo è arrivato solo ieri dite...in effetti è vero, ma è colpa del cambiamento climatico e questo mi deprime tanto quanto il freddo!

Va beh, arrampicate sugli specchi a parte, se non avete già eliminato il mio blog dalla lista di quelli che seguite, vi racconto di Camilla, che non è una persona ma un progetto, un intento, finalmente anche un luogo, è una cosa bella in cui credo e in cui sto investendo energie.
Campi aperti sapete ormai che è il circuito dei mercati contadini autogestiti, Alchemilla invece è un gruppo di acquisto solidale: dalla loro collaborazione è nato il progetto Camilla, ossia la creazione di un emporio totalmente autogestito: si diventa soci della cooperativa, si garantiscono pochissime ore di lavoro al mese e si va a far la spesa. 
Era da almeno un anno che sentivo parlare della faccenda e che seguivo un po' saltuariamente lo stato dei lavori, poi quest'estate mi sono iscritta alla cooperativa, poi ho capito che guardare e aspettare non mi bastava molto, che mi ci volevo sporcare le mani, anche perchè autogestione vuol dire che le cose le devi fare tu, che non le farà un altro al posto tuo, te la devi prendere tu la responsabilità. E così, oltre alla disponibilità a tenere alcuni dei vari banchetti informativi volti alla ricerca di nuovi soci (ché più siamo e meglio stiamo :)), ho deciso di prendermi degli impegni un po' più gravosi, impegni che in certi giorni, uniti alle altre cose, mi fanno uscire di casa la mattina per rientrarci solo a tarda sera. Ho deciso di unirmi a un gruppo di lavoro di una trentina di persone che sta organizzando attività e turni, che sta cercando tutte le possibili criticità da affrontare e risolvere, che sta facendo tutto quanto possibile per inaugurare l'emporio il mese prossimo.
E mi sta piacendo moltissimo! Mi piace il progetto in sé ovviamente, che è diventato realtà già da anni a New York  e a Bruxelles e pare funzionare benissimo, mi piace lo spirito che lo muove, mi piace poter mettere in atto concretamente un modo alternativo di fare la spesa, proprio in questo momento in cui, ad esempio, nel mio quartiere stanno costruendo l'ennesimo inutile (davvero sono ormai uno accanto all'altro) supermercato in un'area che si sarebbe potuta prestare a ben altre destinazioni sicuramente più utili alla comunità e all'ambiente. E mi piace dare il mio contributo concreto, mi piace metterci anche il mio mattoncino, mi piacciono le persone che ho conosciuto e insieme alle quali sto lavorando; si respira aria salubre, si prendono gran boccate di aria buona che in questo momento storico sono a dir poco vitali.

E insomma ecco dov'ero e dove sarò prossimamente. Vi terrò aggiornati sullo stato dei lavori, sempre che non abbiate già girato le spalle indignati...
 
Buona domenica freddina girasoli!

Commenti

  1. Go capìo ma no go capìo, spiega meglio cosa fate è un gas e non lo è, ma cos'è, mah!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) È come un gas ma è un luogo fisico, un negozio, dove puoi anche andare a comprare un kilo di riso, il detersivo per i piatti e due mandarini, senza aspettare l'appuntamento mensile per l'acquisto generale come funziona coi gas di solito. E ci dovresti andare a lavorare tre orette al mese. Si può fare no?

      Elimina
  2. Bella iniziativa, mi segno tutto (poi mi guardo i link), che se veniamo a Bologna (chissà quando, speriamo presto), ci facciamo un salto. Credo che quello che dici sia giusto, dai troppi supermercati che aprono, all'impegno diretto. Noi abbiamo deciso di fare la spesa solo al negozio bio, entrando al supermercato solo per qualche raro prodotto che ci serve proprio e non troviamo l'alternativa. E abbiamo contattato un gas di zona per entrare a farne parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravi! E quando tornate a fare un giro qui vi ci porto io :)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Penso anch'io! non vi potevo restare indifferente :)
      Buona settimana Cavaliere

      Elimina
  4. Nella lista dei blog che seguo ne ho alcuni che non scrivono nulla da anni. Quindi, tranquilla. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, grazie della consolazione Andrea! Quello che però mi dispiace non è solo non farmi viva ma perdermi tanti post dei blog che seguo, e per quanto cerchi di rimettermi in pari, quando passa tanto tempo faccio fatica a leggere tutti i post vecchi di tutti..

      Elimina
  5. Partecipi a una bella iniziativa! Trovarsi fra persone positive e intraprendenti da uno sprint che sconfigge i malumori stagionali. In quanto alle saltuarie assenze dal blog , io ti batto!
    Ciao Cri, un abbraccio.
    Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sconfigge i malumori stagionali e a tratti anche quelli dovuti al pessimo momento storico...Vero cara Nou, anche tu sei alquanto taciturna negli ultimi tempi, e personalmente mi manchi :)
      Ti abbraccio

      Elimina
  6. Bravii!
    Mi fa piacere sapere che sei impegnata in questo progetto!
    Buona fortuna!

    RispondiElimina
  7. Mi sembra un ottimo motivo per essere stata assente un pochino, brava! Non parliamo di supermercati, ormai qui in certe zone c'è un lato della strada che è un susseguirsi di concessionarie d'auto (nulla di nuovo) e sull'altro lato un susseguirsi di supermercati (la stessa roba finta in ognuno, ma con marchi apparentemente diversi). Come dice Alli, noi ormai ci andiamo pochissimo, solo per quelle due cose (due di numero) che non compriamo al bio, e abbiamo notato che fare la spesa non è più così stancante! In un negozietto biologico si respira tutta altra aria, è un altro mondo non solo per la qualità dei prodotti. Un bell'emporio autogestito come quello di cui parli sarebbe un sogno! E non mi stupisce che venga realizzato a Bologna!
    Ps. speriamo di riuscire a tornare presto a Bologna, naturalmente sei fra le persone da incontrare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo su tutto quello che dici, Elle cara! In 'sti giorni di isteria da black friday poi, non sai quanto mi faccia bene pensare a un modo alternativo di spendere e consumare. Ieri sono andata a una riunione direttamente dopo il lavoro, sono tornata a casa poco prima di mezzanotte con la testa che mi scoppiava...ma contenta! :) Sento che vale la pena stancarsi per questo.
      Sì dai tornate presto, visto che stavolta sono anche in lista ;)

      Elimina
    2. Intanto ho dato il link del vostro b&b a mia sorella che ha bisogno per marzo (mi pare), così accorciamo le distanze ;)

      Elimina
    3. Ottimo! Grazie mille Elle cara :)

      Elimina
  8. Bentornata! Iniziativa davvero lodevole, concordo con il Cav. Oscuro.

    RispondiElimina
  9. Ah, che bello, in effetti io non riesco a seguire il GAS per i miei orari ballerini, ma così è proprio carino, qualche ora alla settimana ce la metterei anch'io. Ora fuggo perché sono arrivati gli operai e fanno un casino pazzesco e ho paura che mi crolli il soffitto in testa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì infatti ai g.a.s. sono stata dietro per un po', poi ho mollato per una serie di motivi. Questa iniziativa invece mi è piaciuta da subito e mi ci sono buttata a pesce! :D

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato a dire la tua :)

Post popolari in questo blog

Torta di mele senza latte e senza uova

Polpettine vegane di quinoa e zucchine

Non buttare le bucce d'arancia