Libri in movimento

In via Paolo Fabbri abita una donna che mi piace tanto. Avete presente quelle donne semplicemente belle? Quelle che anche se le vedi in vestaglia a novant'anni compiuti non puoi non riconoscere quanto siano belle? Ecco, lei è così, non so se abbia novant'anni ma so che non ne ha quaranta, è alta e magra e porta i capelli raccolti in una crocchia, ha un sorriso delicato e un portamento elegante, ha una bicicletta con un cestino tutto fiorito e ha un gatto. Io del gatto lo so perchè ogni tanto dal suo giardino, quasi confinante col mio, la sento chiamare Pilù, che di giardino in giardino e di tetto in tetto chissà ogni volta dove si è cacciato/a; ma lei chiama e chiama finché Pilù non arriva, e chiama con una voce così delicata, così affettuosa, così accogliente e piena di promesse che quando la sento io vorrei solo essere Pilù e fiondarmi a zampe levate tra le sue braccia!
Lei per me è La Signora dei libri. Che c'entrano i libri? Ma se è proprio per questo che vi sto raccontando di lei! La Signora dei libri ogni mattina tira fuori una cassetta di legno, di quelle da vino, con uno o due libri dentro o a volte anche niente, il resto lo fanno le persone che passano.
Non so da quanto tempo lo faccia ma so che è un'iniziativa apprezzatissima nel quartiere, e lo dimostra il fatto che, a distanza di ore, il contenuto della cassetta è totalmente cambiato. E soprattutto non è solo un prendere e portare a casa: l'altro giorno la cassetta non c'era perchè al mattino pioveva, ma questo non ha impedito a qualcuno di lasciare un paio di romanzi direttamente sugli scalini :)
Per quanto mi riguarda, è più quel che ho lasciato che quel che ho preso, ché io che in libreria ho sconti o comunque possibilità di dare un'occhiata a tutti i libri che voglio, preferisco lasciarli a chi non ha i miei stessi "privilegi". Però un paio di cose le ho prese. Qualche giorno fa ho visto questo libro e non ce l'ho fatta a lasciarlo lì. Questo in libreria non lo trovo, e poi ha quella grafica retrò che mi affascina, oltre ad essere anche molto ben fatto all'interno.
L'unico altro libro che ho preso è stato un amore a prima vista, uno di quegli incontri che sembrano organizzati dal destino nel minimo dettaglio.
Innanzitutto, un libro illustrato non avrebbe mai potuto passare inosservato da me (perchè prendo poco ma ciò non vuol dire che ogni volta che passo non butti un occhio nella cassetta!). E poi quel titolo, pare spagnolo, è spagnolo, e io non ero appena tornata dalla Galizia e non stavo studiando spagnolo?!


E siccome il destino le cose le fa bene, anche la storia in sé e le illustrazioni mi sono piaciute tantissimo!

È vero che ormai i punti di bookcrossing sono svariati in moltissime città, ma è altresì vero che di solito li troviamo presso esercizi commerciali, uffici o situazioni simili: una persona che se ne sta in casa sua ma che tutti i giorni pensa a far sì che qualcuno possa trovare gratis qualcosa da leggere, secondo me è un'altra faccenda. È una faccenda che mi fa davvero bene all'anima, una faccenda che profuma di amore per la lettura e per il prossimo, che ha i colori belli di quegli animi che sanno far felici gli altri e non vogliono niente in cambio se non la felicità stessa degli altri, che ha il suono dolce di chi accetta se stesso e il mondo cercando solo di renderlo un po' migliore.

Commenti

  1. Cara Cristiana, credo che sia stata una ottima iniziativa.
    Ciao e buon San Valentino con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, e buon San Valentino anche a te!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Io pure!!! Prima o poi glielo vado a dire :)

      Elimina
  3. Uno straordinario caso di bookcrossing continuo. Grande questa Signora!

    RispondiElimina
  4. Ma che donna! Bellissima la sua iniziativa, mi sembra un ottimo modo per creare "intimità" nel vicinato!
    Mi piacciono molto anche i libri che hai preso tu!
    Daria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì esatto, è uno scambio silenzioso tra vicini :)

      Elimina
  5. Ciao Cri! Bellissima iniziativa! Posso chiederti a che numero civico posso trovare questo cestino? Vorrei poter contribuire anch'io! grazie mille Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina che sei Ely! Sta al 35, scusa il ritardo nella risposta ma in verità ho dovuto andare a guardarci perché no avrei saputo dirtelo a memoria :)

      Elimina
  6. Grazie mille! Adesso mi metto i libri in macchina così appena passo di lì (sono spesso in zona) li ho già con me :):):)

    RispondiElimina
  7. Magica questa donna, con gatto e libri ... e magica questa storia con i bellissimi libri che hai preso. Mi piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre bene diffondere piccole storie belle :)

      Elimina
  8. Bella questa storia di Bologna, che ci rende ancora più simpatica, e la voglia di ritornarci presto in vacanza aumenta. Elle quando può, scambia libri in alcuni cinema della nostra città dove si è diffusa questa pratica, e guarda-caso c'è spesso vicino un gatto (credo dei proprietari del cinema). Credo che la passione per la lettura e i gatti, vadano a braccetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che si sgama che le sto provando tutte per farvi venire voglia di venire a trovarmi? :D

      Elimina
  9. Insomma, siete andati ad abitare proprio in un bel posto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah se non ci credi vieni a verificare ;)

      Elimina
  10. Bello! Bella iniziativa, fatta da casa propria! Una persona così, che ama libri e gatti non può che piacermi!
    Anche io la sera chiamo a raccolta i miei gatti vagabondi :-)
    Ehi ma sei andata ad abitare proprio in un bel posto, bel vicinato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ci sono anche vicini meno simpatici, ma fondamentalmente sì, ci si sta proprio bene!

      Elimina
  11. Bellissimo!!!

    Ciao Cri, bacio.

    RispondiElimina
  12. A questa signora bisognerebbe dare una onorificenza. Se la merita alla grande.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato a dire la tua :)

Post popolari in questo blog

Torta di mele senza latte e senza uova

Polpettine vegane di quinoa e zucchine

Non buttare le bucce d'arancia